Quando si parla di finanziamenti, si fa riferimento a prestiti che di solito devono essere restituiti attraverso il pagamento di rate, il cui importo viene maggiorato dal tasso d’interesse applicato e dalle spese aggiuntive. Accanto a questa modalità, esistono tuttavia altre opzioni che non prevedono la restituzione del capitale erogato: si tratta dei cosiddetti finanziamenti a fondo perduto, dei quali andiamo ad analizzare qui di seguito le caratteristiche.

società prestiti personali

A chi si rivolgono i finanziamenti a fondo perduto

I finanziamenti a fondo perduto si rivolgono di solito a determinate fasce della popolazione, con lo scopo di supportare economicamente dei target specifici, dei cittadini che non abbiano superato una determinata età o i residenti in una particolare area geografica.

La finalità di questa tipologia di prestiti è quella di proporre degli interventi per rivitalizzare una regione economicamente depressa o di fornire un aiuto concreto ad uno dei gruppi descritti.

In questo modo, i richiedenti possono ricevere un supporto concreto per avviare una nuova attività lavorativa, ad esempio per mettere in moto l’economia di un’area rurale o per inserirsi nel mercato del lavoro, senza dover restituire le somme ricevute, che potranno essere di piccola, media o grande entità a seconda del bando.

Chi eroga i finanziamenti a fondo perduto?

I finanziamenti a fondo perduto sono di solito erogati da istituzioni pubbliche, specie quelle più vicini ai cittadini, come Comuni e Regioni, in grado di conoscere nei dettagli le esigenze del territorio, proponendo così delle iniziative economiche a supporto di precise categorie.

Tuttavia, alcuni finanziamenti possono essere forniti anche da enti statali e dall’Unione Europea. Tutti questi istituti possono mettere a disposizione delle opportunità finalizzate a stimolare l’imprenditoria femminile locale, ad offrire dei supporti economici ad imprese operanti nel terzo settore o ad aiutare l’inserimento professionale dei giovani.

Le informazioni su tali iniziative potranno essere reperite nei siti istituzionali, presso le Camere di Commercio o rivolgendosi gli sportelli dell’informagiovani locale.

Come richiedere un finanziamento a fondo perduto

Per richiedere ed ottenere un finanziamento a fondo perduto occorre possedere i requisti richiesti dai diversi bandi, fornendo tempestivamente tutta la documentazione necessaria entro la scadenza. In alcuni casi specifici, occorre unirsi in associazione per poter accedere a tali fondi, specie se si opera nel settore culturale o no-profit.

Alcuni finanziamenti messi a disposizioni dalle istituzioni europee, come l’Unione Europea o il Consiglio d’Europa, prevedono dei contributi per la realizzazione di iniziative culturali e sociali destinate ai giovani: al fine di ricevere l’importo necessario (che non dovrà essere poi restituito), bisogna in questo caso presentare un progetto dettagliato ed, in conclusione delle attività, occorrerà presentare una rendicontazione delle spese con la valutazione finale. Chi intende richiedere questo tipo di finanziamento dovrà, infatti, presentare di norma un progetto su come si intende impiegare il contributo ricevuto: l’idea sarà quindi valutata ed in caso di approvazione si potrà ricevere il capitale.

Come fare per ottenere un finanziamento a fondo perduto?

Al fine di gestire al meglio un finanziamento a fondo perduto, occorre possedere delle buone capacità amministrative e progettuali. Poiché alla base dell’erogazione della somma si dovrà presentare un apposito progetto, chi dispone di abilità di project management sarà avvantaggiato nella gestione del fondo ricevuto. Sarà un ulteriore vantaggio ricevere consulenza e supporto da parte di chi ha già esperienza con questo tipo di iniziative.

Inoltre, sarà essenziale mantenersi costantemente informati circa le opportunità disponibili, le scadenze dei bandi, le condizioni di partecipazione ed i requisiti da possedere.

Presentare le idee progettuali per partecipare non è sempre facile e comporta tempo ed attenzione, per cui riuscire ad accedere a tutte queste informazioni con un discreto anticipo rispetto alla scadenza del bando sarà utile per realizzare progetti di qualità senza subire eccessiva pressione.